mercoledì 29 aprile 2015

FBC Gravina "schiaccia-sassi" - Promosso in Eccellenza!!!!


GRAVINA – A nome di tutte le componenti tecniche dell'Associazione Arbitri "Silvium" Gravina e del Centro Sportivo Italiano (Comitato di Bari), esprimo le più vive congratulazioni all'A.S.D. FBC Gravina per la promozione al campionato regionale di Eccellenza pugliese.

IL PRESIDENTE
Ass. Arbitri CSI “SILVIUM” Gravina
CARLO RUTIGLIANO

lunedì 27 aprile 2015

Champions “Caputo & Sporting” di Calcio a 7


Il 5 per Mille al CSI


Donare il cinque per mille alla Presidenza Nazionale del Centro Sportivo Italiano è facile e non costa nulla. 

Consente però a tante piccole società sportive e parrocchie sul territorio di continuare a praticare una sana educazione sportiva a piccoli, adulti ed anziani, soprattutto in questo momento storico, in cui la crisi economica ha ridotto notevolmente le risorse pubbliche a disposizione dello sport. 

In tal modo sarà possibile continuare a praticare l'attività sportiva dilettantistica e a godere dei tanti benefici, in termini di salute, benessere ed educazione che la nostra associazione da sempre coltiva.

Per donare il cinque per mille alla Presidenza Nazionale del CSI è sufficiente apporre la tua firma nella Certificazione Unica, nel 730 oppure nella dichiarazione UNICO 2015, sul riquadro dedicato alle ONLUS e alle Associazioni di Promozione Sociale, indicando il seguente codice fiscale 80059280588.

fonte csi-net.it

Online la nuova Csi Flash Agenzia di aprile

CSI Flash Agenzia

giovedì 23 aprile 2015

Malfer al final tournament della Futsal Cup


LISBONA (Portogallo) - L'arbitro Alessandro Malfer è stato designato per il mini-torneo finale che assegnerà la UEFA Futsal Cup. Il mini-torneo è in programma a Lisbona dal 24 al 26 aprile, e vede designati, oltre Malfer, altri tre arbitri che si alterneranno nella direzione delle gare.

Le squadre partecipanti sono: Barcellona (Spagna), Sporting Lisbona (Portogallo), Dina Mosca (Russia) e Kairat Almaty (Kazakistan).

Debutto venerdì sera nella semifinale tra Barcellona e Sporting Lisbona; con lui l'ungherese Gábor Kovács.

Una grande soddisfazione per il tutto il movimento arbitrale ed in particolare del calcio a 5.

fonte aia-figc.it

martedì 21 aprile 2015

Champions “Caputo & Sporting” di Calcio a 7


Designazioni internazionali Coppe Europee 2014/2015


23/04/2015
FC Zenit (Russia) - Sevilla FC (Spagna)
Stadio: "Stadion Petrovski" - San Pietroburgo (RUS) 
Europa League - Quarti di finale - Ritorno
ARBITRO: Nicola RIZZOLI
Assistente Arbitrale 1: Elenito DI LIBERATORE
Assistente Arbitrale 2: Mauro TONOLINI
AAR 1: Luca BANTI
AAR 2: Antonio DAMATO
IV Ufficiale: Gianluca CARIOLATO

sabato 18 aprile 2015

Calcio Giovanile: Campionato Provinciale FIGC Pulcini 2014/15


ASD PICCOLI CAMPIONI GRAVINA - ASD PELLEGRINO SPORT ALTAMURA
Lunedì 20 aprile 2015
ore 19,00
Centro Sportivo “Sporting Club”
Gravina in Puglia (BA)

arbitro Santorsola Antonio
(sez. Arbitri “Silvium” Gravina)

lunedì 13 aprile 2015

Riunione Tecnica - Giovedì 16 Aprile 2015


GRAVINA - Giovedì 16 Aprile p.v. alle ore 20,00 è convocata, presso la sala riunioni della sezione, una Riunione Tecnica per tutti gli arbitri A.E. ed A.F.Q. dell'Associazione Arbitri "SILVIUM" di Gravina.
Tutti gli associati sono pregati di non mancare.

N.B.: La presente comunicazione è da ritenersi, a tutti gli effetti, convocazione ufficiale alla riunione.

IL PRESIDENTE
Ass. Arbitri "SILVIUM" Gravina
CARLO RUTIGLIANO

2° Campionato Serie A “Sporting Club” di Calcio a 5


sabato 11 aprile 2015

Gazzetta Cup 2015


FASE INTERNA
Categorie Junior e Young
Gare di finale
Domenica 12 aprile 2015
ore 10,00

Centro Sportivo “Sporting Club”
Gravina in Puglia (BA)

arbitri Damiani Michele (I), Damiani Michele (II)
(sez. Arbitri “Silvium” Gravina)

giovedì 9 aprile 2015

Pillole di regolamento: [#4] Termini tecnici


fonte facebook: Il regolamento del giuoco del calcio

Calcio femminile, qualificazioni Under19: l’incredibile gaffe dell’arbitro


Belfast (Irlanda del Nord) - Un episodio degno di Scherzi a Parte o di Paperissima ma è purtroppo tutto vero ed è capitato nei minuti conclusivi del match valido per le Qualificazioni europee di categoria tra Inghilterra e Norvegia, di calcio femminile, disputato a Belfast. 

L'arbitro, Marija Kurtes (Germania) ha concesso un calcio di rigore per le leonesse albioniche al 96′ minuto: penalty puntualmente calciato da Leah Williamson che ha superato il portiere avversario trovando un insperato 2-2 finale che sarebbe valsa la qualificazione alla fase finale del torneo. Ma il condizionale è d'obbligo perché la direttrice di gara non solo ha annullato il calcio di rigore - per invasione in area di altre giocatrici prima del tiro dagli undici metri - ma ha anche (e soprattutto) decretato una punizione a favore della Norvegia non facendo ricalciare il penalty. Un errore tecnico che non solo è stato considerato imperdonabile dalla Federcalcio ma che obbligherà le due squadre a ridiscendere in campo e rigiocare quei minuti finali di una gara già entrata nella storia.

L'UEFA in un primo momento aveva ufficializzato la vittoria della Norvegia (e conseguente qualificazione per l'Europeo di Luglio) poi, con una nota ufficiale sul proprio sito ha fatto dietrofront confermando la ripetizione di quelle fasi finali. 

"Abbiamo originariamente scritto che la Norvegia si era qualificata con il risultato di 2-1" si legge nel comunicato sul sito web dell'UEFA "poi però il Controllo UEFA di Etica e Disciplina ( CEDB ) ha annunciato che la partita della Norvegia contro l'Inghilterra dello scorso 4 aprile verrà ripetuta dal minuto in cui un calcio di rigore è stato assegnato a favore dell'Inghilterra quando le squadre eranosul risultato di 2-1". 

L'UEFA ha poi confermato che l'arbitro, Marija Kurtes, è stata allontanata dalla competizione e sospesa a tempo indeterminato.

fonte fanpage.it

martedì 7 aprile 2015

Daniele Orsato ai Mondiali Under 20


ROMA - Daniele Orsato, assieme agli assistenti Mauro Tonolini e Lorenzo Manganelli, rappresenterà l'Italia alla fase finale dei Campionati del Mondo Under 20, in programma in Nuova Zelanda dal 30 maggio al 20 giugno.

La Commissione Arbitri della FIFA ha selezionato e annunciato ufficialmente la nomina di 21 arbitri, 42 assistenti e sei arbitri di riserva per la competizione, scegliendo tra 35 nazioni di tutte quante le Confederazioni.

Le terne selezionate saranno seguite e monitorate regolarmente durante questo periodo, e parteciperanno a uno stage prima dell’inizio della competizione.

Un grande in bocca al lupo ai nostri ragazzi da parte del Presidente Nicchi, del Comitato Nazionale, della redazione e di tutti gli arbitri italiani.

fonte aia-figc.it


sabato 4 aprile 2015

Auguri di Buona Pasqua


Il Centro Sportivo Italiano e la sua Presidenza nazionale augurano ai propri atleti, ai tecnici, alle loro famiglie, e a tutti gli sportivi italiani buona Pasqua

giovedì 2 aprile 2015

Campionato open a 7 “Caputo Soccer Club”

Calcio amputati: successo azzurro in amichevole contro l’Irlanda

LONGARE (VI) - Sabato 28 marzo la Nazionale Italiana Calcio Amputati CSI è scesa in campo a Longare (Vi) per una partita amichevole con l'Irlanda. In un clima festoso e di amicizia, a testimonianza che l'agonismo può anche essere etico, la Nazionale azzurra ha battuto l'Irlanda per 2 a 1. I gol azzurri, realizzati entrambi nel primo tempo, portano le firme di Gianni Sasso ed Emanuele Padoan. Nel secondo tempo l'Irlanda ha accorciato le distanze con James Boyle su calcio di rigore. 

Una bella partita, un po' sofferta per l'Italia nella ripresa, ma nel complesso una vittoria meritata per gli azzurri. Al primo impegno dopo il mondiale in Messico, le “stampelle azzurre” hanno dimostrato tenuta e crescita. Da registrare nelle file azzurre l’esordio del bergamasco Daniele Piana. Soddisfatti gli allenatori azzurri Renzo Vergnani e Paolo Zarzana: «Partita giocata nel complesso alla pari, con la nostra supremazia nel primo tempo, in cui avremmo dovuto chiudere la partita – ha dichiarato il mister Renzo Vergnani – Nella ripresa, dopo un buon inizio con alcune occasioni, abbiamo subito un po' troppo la pressione irlandese sopratutto dopo il goal su rigore. Il finale ci ha creato apprensione e l'uscita forzata di Padoan non ci ha permesso di tenere palla nella metà campo avversaria. Penso che nel complesso la vittoria sia stata meritata». Ha aggiunto il mister Paolo Zarzana: «Partita dalle due facce, un buon primo tempo e un secondo tempo dove invece la squadra azzurra ha aspettato gli avversari irlandesi, arginando bene i loro attacchi ma sbagliando qualche conclusione di troppo che ci avrebbe permesso di chiudere la partita in anticipo». La partita si è svolta nella splendida cornice organizzativa creata da Massimiliano Padoan, dalla Usd Longare Castagnero e dalle amministrazioni comunali e pro loco locali di Longare e Castagnero.

Oltre al calcio giocato, vissuto con sano agonismo e correttezza tra le due squadre, sono stati tre giorni intensi in cui non è mancato nulla: dai momenti formativi del venerdì mattina in cui gli atleti azzurri hanno portato la loro testimonianza nelle scuole per parlare del tema dell’inclusione - di cui la Nazionale è un esempio perfetto - al momento culturale con la visita guidata alle Ville di Costozza, tutto sotto l'impeccabile regia di Padoan che ha dichiarato: “Riuscire a creare un evento che abbia dato la giusta visibilità ad una realtà come la nazionale amputati è stato per noi un grande onore. L’aver fatto sentire gli irlandesi “a casa”, percependo uno stile fraterno nell'accoglienza, è stato per me così meraviglioso che ha fatto dimenticare tutta la fatica e le difficoltà di organizzare un evento così importante”.

Altri due momenti significativi hanno caratterizzato la tre giorni vicentina della nazionale azzurra: la premiazione dell'atleta di casa Emanuele Padoan, da parte del Csi Vicenza prima del fischio d'inizio della gara, e la cena di beneficenza in onore delle squadre nella serata di sabato, alla presenza delle autorità cittadine.

Anna Maria Manara, presidente della squadra azzurra, nel corso delle premiazioni ha sottolineato l'enorme generosità delle comunità di Longare e Castagnero, ringraziando di cuore tutti gli artefici di questo successo. Ha ringraziato, inoltre, gli sponsor locali che hanno sostenuto la manifestazione, oltre a Spal e Ibl che accompagnano e sostengono il cammino della Nazionale Italiana Calcio Amputati Csi.

fonte csi-net.it

Una rete sociale antidoping per liberare lo sport

ROMA - «Sandro Donati che allena Alex Schwazer? Una bella notizia! È un progetto di cui Libera è felice di farsi garante anche per la sua forza simbolica, una forza che speriamo induca altri atleti a uscire dall’ombra, denunciare, riconquistare la propria dignità e libertà», è questo il messaggio lanciato da don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, in occasione della conferenza stampa tenutasi oggi a Roma nella quale il marciatore altoatesino Alex Schwazer ha annunciato il ritorno all’attività agonistica sotto la guida di Sandro Donati.

“Il gesto di Alex è un’idea che rompe gli schemi – ha affermato Sandro Donati, da molti anni impegnato nella lotta al doping – Voglio essere partecipe di un processo di rinnovamento. Allenerò un atleta che viene dal doping, ma che mi ha scelto. Questo significa che Schwazer si è voluto mettere in gioco e mostrare realmente quali sono le sue forze”.
Un progetto che scompagina gli equilibri e che può essere una rinascita per Alex Schwazer. Una testimonianza di come sia possibile vivere un’esperienza sportiva vera e autentica, lontana da ogni forma di illegalità e di contrasto al doping: “Ora mi sento nuovamente me stesso, proprio per questo posso tornare a gareggiare. - le parole di Schwazer - Sono pronto per cominciare questo nuovo percorso per dimostrare che facendo le cose bene si può andare forte”.

Nella lotta al doping non si può agire da soli, ed è una responsabilità di tutti. Per questo Libera, ACSI, CSI, UISP e U.S. ACLI rilanciano con forza il documento "Libera lo Sport - contro il doping un nuovo modello sportivo" (in allegato), una chiamata a raccolta di chi ama e crede in uno sport “pulito” che possa trasmettere i valori più alti alle giovani generazioni.

Nel documento - realizzato nell’ambito di "Contromafie - Stati generali dell'antimafia" (Roma 23-26 ottobre 2014) promossi da Libera - si sottolinea come il doping vada a minare la credibilità di tutto lo sport e ne vanifichi la valenza educativa e formativa, soprattutto rispetto ai giovani. “Una rete sociale antidoping – si legge nel documento – per offrire più libertà agli sportivi e nello sport, per aprire ad un possibile nuovo modello di pratica sportiva”. ACSI, Csi, Uisp e Us Acli concordano su alcune proposte di contrasto al doping che vengono evidenziate nel documento “Libera lo Sport”, a partire dal “trasferimento di tutte le competenze antidoping ad agenzia istituita ad hoc. Un’entità capace di disegnare progetti di prevenzione condivisi, in cui ci sia corresponsabilità fra soggetti pubblici e privati, fra il mondo della scuola e il mondo dello sport, tra enti di promozione sportiva e federazioni”. Una rete che si impegni a investire maggiormente sulla cultura sportiva e sulla conoscenza degli sport per “sperimentare metodologie e discipline innovative, a far conoscere prima che a far competere, a mettere in gioco il corpo per farlo crescere e non solo per farlo vincere”.  

E ancora iniziative di sensibilizzazione che possano favorire la “costituzione di un osservatorio inter-associativo per la raccolta e la valorizzazione di buone pratiche di contrasto al doping”. Infine, prosegue il documento, una seconda occasione per gli atleti perché possano “divenire testimoni attivi di azioni di contrasto al doping, soprattutto a tutela degli atleti più giovani e di quelli più promettenti, affinché siano salvaguardati i veri talenti”.

fonte csi-net.it

7° Campionato CSI Open di calcio a 7